); ga('send', 'pageview');
Home / Attività / EUROPA E GIOVANI: le opportunità dopo la Scuola

EUROPA E GIOVANI: le opportunità dopo la Scuola

Stamattina presso l’ITI “Renato Elia” di Castellammare di Stabia, l’associazione NEW POLITIK, in collaborazione con l’associazione AMESCI ha espletato il seminario informativo dal titolo “EUROPA  & GIOVANI: le opportunità dopo la Scuola”.

Ad introdurre è stata la Dirigente Scolastica, Prof.ssa Giovanna Giordano, la quale ha sottolineato l’importanza delle informazioni che sono state impartite ai propri studenti, molto attenti ed interattivi, e come iniziative del genere alla sua generazione non erano presenti.

A moderare la giornata  è stato il presidente di NEW POLITIK, Massimo Iaquinangelo che ha sottolineato lo scopo del seminario informativo che è quello di far conoscere ai giovani delle classi quarte e quinti, le opportunità che offrono le Istituzioni italiane ed europee, come quelle del Servizio Civile Universale ed il programma Erasmus Plus. Iaquinangelo ha affermato, che il dibattito era un modo per far avvicinare e ridurre la disaffezione tra le giovani generazioni e le Istituzioni Politiche attraverso una visione del tutto positiva verso i giovani e non come  vengono sempre presentate, soprattutto in campagna elettorale, nella sua forma più negativa. Queste iniziative ha continuato Iaquinangelo, rientrano nello scopo dei padri fondatori dell’Unione Europea, quali Adenauer, Schuman, De Gasperi, Spinelli, che era quello di costruire un’Europa dei Popoli e non delle Banche.

L’ex alunno Martino Maurizio Abagnale, ha raccontato l’esperienza positiva che ha avuto la sua permanenza a Londra nel suo percorso formativo ed educative e come, lui e tutti quelli della sua generazione, non abbiano avuto le possibilità che oggi offre l’Europa.

Il Presidente dell’associazione Amesci, Enrico Maria Borrelli, ha illustrato le modalità ed i requisiti di accesso per espletare il Servizio Civile Universale e dell’importanza di un anno di servizio alla Patria, che cambia la vita. Borrelli, ha sottolineato la necessità e la valenza del Capitale Sociale che in una società sono indispensabili e cheè necessario garantire ai giovani la possibilità di vivere esperienze formative di partecipazione e impegno, che gli permettano di maturare competenze tali da renderli cittadini attivi, responsabili e più appetibili sul mercato del lavoro.

Il responsabile del Dipartimento Europa dell’Amesci, Guido Spaccaforno, ha illustrato attraverso dei video l’utilità che ha un’esperienza all’estero, dove si imparano delle lingue, si conoscono nuove culture e si diventa autonomi. Ha ostentato le opportunità che mette a disposizione l’Unione Europea con i bandi aperti sia per gli scambi culturali che per i tirocini, tutti retribuiti, attraverso delle ricerche sui portali adibiti a tale scopo.

Il tutto si è svolto con il coinvolgimento diretto della platea studentesca, la quale ha mostrato un forte interesse e che nessuno era a conoscenza di tale programma europeo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *